Lucio Battisti
Hegel


La data di uscita di Hegel non viene certo scelta a caso: 29 settembre '94. Una sorta di provocazione per noi tutti e
soprattutto per gli addetti ai lavori, insomma a tutti i critici!!!
Realizzato nella sola versione cd, l'album è pubblicato dalla BMG che per l'occasione ripropone il logo Numero
Uno, il disco viene registrato negli studi di Porterhouse di Londra da un trio formato da Andy Duncan (anche
produttore), Lyndon Connah e lo stesso Battisti (ovviamente per il canto). Sulla copertina è raffigurata una sola "e"
maiuscola che si presta a moltissime interpretazioni tra cui la parola "end" cioè ad una probabile fine del periodo di
sperimentazione. All'uscita del disco, Pasquale Panella rilascia un'intervista in cui dichiara che probabilmente si tratta
dell'ultimo lavoro con Lucio. Inizia così la ricerca spasmodica del possibile successore, anche se c'è chi ipotizza il
ritorno di una nuova collaborazione artistica con Mogol, il quale però smentisce. Il vinile di questo disco viene
stampato nel 1998 dalla stessa BMG Ricordi per essere incluso in un cofanetto che comprende tutti gli album
ddelll'artista. Dopo la scomparsa di Battisti saranno molte le raccolte antologiche a lui dedicate, una delle quali,
"Pensieri emozioni" (a cui seguirà un secondo volume), rimarrà per molti mesi in classifica. Tutto ciò dimostra che
Lucio è tutt'ora amatissimo da un pubblico variegato.

Giovanni Lombardo

 


1 Almeno l'inizio
2 Hegel
3 Tubinga
4 La bellezza riunita
5 La moda nel respiro
6 Stanze come questa
7 Estetica
8 La voce del viso


Canzoni scritte da
Lucio Battisti e Pasquale Panella
Edizioni Musicali
Aquilone S.r.l.-BMG Ariola S.p.A.
Tutti i diritti sono riservati.
© 1994


Lyndon Connah

Chitarra, tastiere & programmazione.

Andy Duncan

Batteria, percussioni & programmazione.


Registrato e mixato da Chris Porter,

Porterhouse Studios, England.


Assistente

Steve Mc Nichol.


Prodotto da Andy Duncan.