"La canzone del sole"

Battisti-Mogol

 

Le bionde trecce,

gli occhi azzurri e poi

le tue calzette rosse

e l'innocenza sulle gote tue

due arance ancor più rosse

e la cantina buia dove noi

respiravamo piano

e le tue corse, l'eco dei tuoi no, oh no

mi stai facendo paura.

Dove sei stata

cos'hai fatto mai?

Una donna, donna

dimmi

cosa vuol dir sono una donna ormai.

Ma quante braccia

ti hanno stretto, tu lo sai

per diventar quel che sei

che importa tanto tu non me lo dirai,

purtroppo.

 

Ma ti ricordi l'acqua verde e noi

le rocce, bianco il fondo

di che colore sono gli occhi tuoi

se me lo chiedi non rispondo.

 

O mare nero, o mare nero, o mare ne...

tu eri chiaro e trasparente come me

o mare nero, o mare nero, o mare ne...

tu eri chiaro e trasparente come me.

 

Le biciclette abbandonate sopra

il prato e poi

noi due distesi all'ombra

un fiore in bocca può servire, sai

più allegro tutto sembra

e d'improvviso quel silenzio tra noi

e quel tuo sguardo strano

ti cade il fiore dalla bocca e poi

oh no, ferma, ti prego la mano.

Dove sei stata,

cos'hai fatto mai?

Una donna, donna,

donna, dimmi

cosa vuol dir sono una donna ormai.

Io non conosco quel sorriso sicuro che hai

non so chi sei, non so più chi sei

purtroppo.

 

Ma ti ricordi le onde grandi e noi

gli spruzzi e le tue risa

cos'è rimasto in fondo agli occhi tuoi

la fiamma è spenta o è accesa?

 

O mare nero, o mare nero, o mare ne...

tu eri chiaro e trasparente come me

o mare nero, o mare nero, o mare ne...

tu eri chiaro e trasparente come me

o mare nero, o mare...

 

Il sole quando sorge, sorge piano e poi

la luce si diffonde tutto intorno a noi

le ombre ed i fantasmi della notte

sono alberi e cespugli ancora in fiore

sono gli occhi di una donna ancora pieni

d'amore.